}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , , , » Ciceri e trie piatto tipico della tradizione contadina salentina

Ciceri e trie piatto tipico della tradizione contadina salentina

Pubblicato da Maia Susana Diaz il mercoledì 5 marzo 2014 | 14:22:00

Ingredienti: per 4 persone

300 g di ceci
300 g di farina
1 rametto di rosmarino
1 spicchio di aglio
1 peperoncino rosso piccante
olio extravergine di oliva
sale
farina per la spianatoia


Ciceri e trie è un piatto tipico della tradizione contadina salentina. Pochi e semplici sono gli ingredienti di questo piatto, menzionato da Orazio nelle sue Satire nel 35 a.C . La particolarità del piatto è la croccante “tria” (pasta secca) fritta in olio bollente.

Ciceri e trie

Preparazione: 40’ più il tempo di ammollo e di riposo + 40’ di cottura
  • Mettete ad ammollare i ceci in una ciotola con acqua tiepida per almeno 12 ore.
  • Setacciate la farina a fontana sulla spianatoia, fate un incavo al centro e impastate, versando a poco a poco l’acqua necessaria per ottenere una pasta omogenea e abbastanza soda; lasciatela riposare coperta per 30 minuti.
  • Stendetela sulla spianatoia infarinata in una sfoglia sottile, quindi arrotolatela su se stessa, abbastanza larga, e tagliatela in modo da formare delle tagliatelle larghe circa 1 cm, che stenderete su un canovaccio infarinato a mano a mano che sono pronte.
  • Scolate i ceci dall’acqua di ammollo e lessateli in pentola a pressione con un litro e mezzo di acqua e rosmarino, calcolando 30 minuti dal fischio.
  • Fate uscire il vapore, aprite la pentola, togliete il rosmarino e scolate circa metà dei ceci con il mestolo forato; passateli al passaverdura direttamente nella pentola, salate, poi lessatevi metà delle tagliatelle preparate.
  • Scaldate in una capace padella 6 cucchiai di olio e mettetevi l’aglio, mondato e privato dell’eventuale germoglio interno, e il peperoncino.
  • Toglieteli non appena l’aglio sarà imbiondito e friggetevi a fuoco vivace, mescolando continuamente, l’altra metà della pasta.
  • Quando sarà imbiondita, unitela con il suo condimento nella pentola con i ceci, mescolate e, appena riprende il bollore, versate il tutto nella zuppiera; servite subito condendo con un filo d’olio.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

SHARE

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti