}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » » Albicocche secche ripiene di cioccolato.

Albicocche secche ripiene di cioccolato.

PUBBLICATO DA Maia Susana Diaz on venerdì 18 luglio 2014 | 13:57:00

Ingredienti: per 6 persone

    pasta sfoglia g 250
    nocciole g 50
    cioccolato fondente g 50
    burro g 30
    8 albicocche secche
    3 savoiardi morbidi
    Cognac
    zucchero

    Premettiamo che grazie  all'alto contenuto di vitamina A e vitamina C in unione con l'abbondanza di potassio e di fibre alimentari, l'albicocca, grazie anche alla sua buona digeribilità, è senza dubbio un frutto con buone proprietà dal punto di vista nutrizionale.

    albicocche secche ripiene di cioccolato

     

Preparazione: 60’

  • Mettete a bagno le albicocche in una miscela di acqua e Cognac in dosi uguali e lasciatele ammorbidire per una notte.
  • Tritate il cioccolato con le nocciole, unitevi i savoiardi sbriciolati, quindi lavorate gli ingredienti con il burro e un goccio di Cognac ottenendo un composto piuttosto compatto.
  • Sgocciolate le albicocche, apritele a metà e farcitele con il composto, premendolo bene.
  • Riponetele in frigorifero a rassodare.
  • Stendete la pasta sfoglia a mm 3, ritagliatevi dei dischi (ø cm 6), accomodateli su una teglia coperta di carta da forno, spolverizzateli di zucchero e ponetevi sopra le albicocche farcite.
  • Infornate a 180 °C per 20' circa.

Quanto nutre una porzione: 387 calorie.

Vino consigliato: Vino passito o liquoroso, Molto caldo di alcol, abbastanza tannico, profumato: Vin Santo del Chianti classico occhio di pernice, Gioia del Colle Aleatico liquoroso dolce, Primitivo di Mandria passito.

vin santo occhio di pernice

Il processo di vinificazione per ottenere il Vin Santo Occhio di Pernice è analogo, per molti aspetti, a quello del Vin Santo:

Tra la fine di Settembre e l’inizio di Ottobre viene effettuata la vendemmia degli "scelti"; esperti vendemmiatori raccolgono solo i grappoli di Sangiovese in condizioni sanitarie perfette, staccandoli dalla pianta e disponendoli a formare i cosiddetti "penzoli", che vengono appesi con cura nella stanza chiamata "Vinsantaia".

In questa stanza i grappoli appesi vengono lasciati ad appassire fino a fine dicembre- inizio gennaio.
Durante la fase di appassimento si svolgono alcune complesse trasformazioni fisico-chimiche nella composizione dell'uva, di cui la più evidente è la concentrazione del contenuto zuccherino.

Dopo l’appassimento l’uva può essere ammostata tra il mese di Novembre successivo alla vendemmia e Marzo dell’anno seguente.

fonte: Il Mondo dei Dolci

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

SHARE

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti