}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » » Con trucchi e inganni l’Unione europea apparecchia le tavole degli italiani: ecco i 9 cibi a rischio.

Con trucchi e inganni l’Unione europea apparecchia le tavole degli italiani: ecco i 9 cibi a rischio.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il giovedì 22 maggio 2014 | 19:20:00

«Con trucchi e inganni l’Unione europea apparecchia le tavole degli italiani»: è lo slogan lanciato da Coldiretti per denunciare l’elenco delle pratiche consentite dall’Ue, che finiscono per portare sulle nostre tavole cibi poco sani e molto contaminati.

Per l'associazione dei coltivatori la rigidità di alcuni vincoli sanitari europei danneggia i prodotti italiani.  Nel mirino anche la proposta di eliminare l'indicazione del termine minimo di conservazione su pasta, riso e caffè.

Ecco il primo alimento «a rischio»: è il miele.

E’ possibile infatti venderlo senza indicazione sull’eventuale presenza di polline contaminato Ogm.

miele a rischio

La mozzarella: una su quattro in vendita in Italia è stata ottenuta con semilavorati industriali che vengono dall’estero senza alcuna indicazione in etichetta (Ansa).

mozzarella a rischio

Il parmigiano e il grana Padano sono egualmente a rischio contraffazioni, secondo Coldiretti: possibili «imitazioni low cost importate senza indicazione della provenienza» (Ansa).

grana padano a rischio

Carne: è consentita per alcune categorie la possibilità di non indicare l’aggiunta d’acqua fino al 5%(Ansa).

carne a rischio

Per wurstel e mortadella l’Ue permette addirittura, secondo quanto segnala Coldiretti, di non indicare per niente l’aggiunta di acqua.

wurstel a rischio

Per l’Ue, bisogna considerare cioccolato anche quello con l’aggiunta di grassi vegetali diversi dal burro di cacao.

cacao a rischio

Prosciutti: più di due su tre consumati in Italia sono ottenuti da maiali stranieri senza l’obbligo in etichetta di indicare la provenienza, denuncia Coldiretti.

prosciutto a rischio

Normative e vincoli europei, rileva Coldiretti, rende spesso impossibile il consumo di piatti della tradizione come la pajata laziale o la finanziera piemontese (foto)per via delle restrizioni all’utilizzo di interiora di bovino, imposte nel 2001 con l’allarme Mucca pazza e da allora mai rimosse.

piatti a rischio

Ora anche vongole e cannolicchi rischiano di scomparire dalle tavole - osserva Coldiretti - Non si possono più raccogliere a causa di normative ambientali.

vongole a rischio

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti