}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , » La piadina perfetta, classica e gourmet, il più famoso street food della Romagna.

La piadina perfetta, classica e gourmet, il più famoso street food della Romagna.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il martedì 20 maggio 2014 | 23:23:00

Ingredienti: per 4 persone

250 g di lardo di Mora Romagnola
200 g di Parmigiano Reggiano 36 mesi
2 spicchi di aglio fresco
3 rametti di rosmarino
pepe nero

Ogni “azdora” che si rispetti ha la sua ricetta per la piadina romagnola. E cambia, sensibilmente, spostandosi lungo la costa. Più si scende verso le Marche più il “pane di Enea” si assottiglia e si fa leggero nell’impasto.

La piadina romagnola sopravvisse fino al medioevo quando, a causa delle tasse sul pane e delle quote di grano da versare al signorotto di turno, il pane divenne sempre meno consumato a favore di queste focaccine che potevano essere preparate anche con farina di altri cereali.

la piadina perfetta

Preparazione: 45’ + 1 ora e 30’ di cottura

  • Si impastano gli ingredienti per una decina di minuti, realizzando una palla.
  • Si avvolge la sfera con la pellicola e la si lascia riposare per 15-20 minuti.
  • Si passa poi alla formazione di piccole pagnottelle di circa 100 grammi ognuna (saranno le vostre piadine!), e con il mattarello si formano dischi di uno spessore che può variare a piacere dai 4 agli 8 centimetri (ma anche più sottile, se si preferisce, idem per il diametro: tra i 20 ai 30 centimetri).
  • La piadina si pone sul “testo” (di terracotta, ma se proprio non l’avete potete arrangiarvi con una padella di ghisa o antiaderente, anche se in Romagna non ve lo consiglieranno) e la si punzecchia con la punta della forchetta.
  • Dopo 30 secondi (un minuto al massimo), la si gira.
  • Lo si fa due volte per lato, e poi la si toglie.
  • La si posiziona in verticale (tra due bottiglie, andrà benissimo), affinché non diventi molliccia, lasciandola riposare per un minuto.
  • Poi la si taglia e la si farcisce, mangiandola subito.
  • Per farcirla, spazio alla fantasia.
  • Con il classico ripieno di prosciutto crudo, squacquerone e rucola non si sbaglia.
  • Ma se volete una ricetta gourmet, ecco quella di Massimo Bottura, realizzata per l’ultima edizione di Rimini Street Food.
  • Preparazione: tritare il lardo a coltello fino a ottenerne un battuto.
  • Lavare il rosmarino e ricavarne le foglie.
  • Sbucciare gli spicchi d’aglio fresco, togliendone l’anima.
  • Mettere l’aglio e rosmarino su un tagliere di legno e battere finemente, realizzando una pasta quasi uniforme.
  • Mescolare il trito al battuto di lardo e aggiungere il pepe macinato al momento amalgamando bene.
  • Appena la piadina è pronta stendere il pesto su un lato della piadina.
  • Grattare il Parmigiano non troppo fine sul pesto che sta fondendo.
  • Chiudere la piadina in quattro, come uno spicchio.
  • E mangiarla.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti