}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , , » Il canascione, noto anche come “pizza chiena”, conta numerose varianti.

Il canascione, noto anche come “pizza chiena”, conta numerose varianti.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il domenica 5 gennaio 2014 | 18:56:00

Ingredienti: per 4 persone.

Per la pasta:
250 g di farina
20 g di lievito di birra
2 cucchiai d’olio
1/2 cucchiaino di sale
zucchero

Per il ripieno:
3 uova
100 g circa di caciotta tritata (o altro formaggio)
80 g di salame tritato
pepe

Altri ingredienti:
1 uovo

Nota:

506 calorie a porzione

canascione

Il canascione, noto anche come “pizza chiena”, cioè ripiena, conta numerose varianti per quanto riguarda la farcitura più o meno saporita. Noi abbiamo riportato quella classica.

Perché il ripieno non risulti eccessivamente saporito occorre fare attenzione al tipo di salame e al tipo di formaggio. Se il salame è molto piccante, il formaggio sia poco stagionato. Se il salame ha un impasto delicato, il formaggio può essere di media stagionatura.

Preparazione: 45’ + 1 ora e 15’ di lievitazione + 30’ di cottura

  • In un bicchiere diluite il lievito e un cucchiaino di zucchero con poca acqua tiepida e lasciate fermentare per 10-15 minuti.

  • Preparate la pasta: sul piano di lavoro disponete la farina a fontana, al centro mettete il lievito.

  • Aggiungete l’olio, il sale e lavorate il tutto fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo.

  • Fatene una palla, copritela con un telo e lasciatela lievitare in luogo tiepido per circa 1 ora.

  • Preparate il ripieno: in una terrina sbattete le uova con il formaggio e il salame, pepate, amalgamate.

  • Stendete la pasta in due dischi, uno più grande dell’altro, con il primo foderate uno stampo imburrato (24-26 cm di diametro).

  • Distribuitevi il ripieno senza pressarlo troppo e ricopritelo col disco più piccolo, sigillate tutto il bordo.

  • Spennellate la superficie con l’uovo e bucherellatela con uno stecchino.

  • Cuocete in forno caldo a 200° per 30 minuti.

  • Ritirate e servite tiepido.

Vino consigliato: Irpinia Rosso novello.

irpinia rosso

La zona vinicola dell'Irpinia DOC è un'ampia zona dell'Appennino campano che geologicamente è conformata da materiali affioranti dall’Unità del Vallone del Toro, costituita da una successione pelitico-evaporitica di età Messiniana composta da tre formazioni Argilliti policrome, Argilliti con gessi di Mezzana di Forte e “Calcareniti e marne dei Serroni.

In profondità, dal basso verso l'alto, si hanno invece formazioni di Flysch Rosso, del Flysch Numidico e da una successione arenacea, argille varicolori del Fortore e la Formazione di Corleto Perticara, costituita da successioni stratificate calcareo-marnoso-pelitiche e, nella porzione miocenica, da materiale arenitico marnoso, espressione di una sedimentazione silico-clastica , dapprima tufacea e poi quarzarenitica (Flysch Numidico) ed infine con le Arenarie di San Giorgio.

L'Irpinia Rosso ha colore rosso rubino più o meno intenso; Il profumo è floreale, fruttato e persistente, con sapore asciutto, equilibrato e caratteristico. A tavola si serve con l'ossobuco, l'arrosto o l'abbacchio.

Nell'Irpinia Novello il colore assume il rosso porpora; Il profumo diventa vinoso, fruttato, intenso con sapore asciutto o abboccato, comunque intenso. Ottimo con gli antipasti, i risotti allo zafferano, i salumi e gli antipasti di verdure.

irpinia rosso map

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti