}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.

Zuppa di ceci ai funghi.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il martedì 15 ottobre 2013 | 14:21:00

Ingredienti: per 4 persone

300 g di ceci secchi
300 g di funghi porcini freschi
50 g di pancetta tesa
4 pomodori perini
2 spicchi di aglio
1 cipolla bianca piccola
1 cuore di sedano
2 rametti di rosmarino
2 rametti di maggiorana
2 rametti di timo
1 mazzetto di prezzemolo
2 bicchieri di vino bianco secco
1 l di brodo vegetale
7 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale
pepe nero

Zuppa di ceci ai funghi

Preparazione: 30’ più il tempo di ammollo + 1 ora e 40’ di cottura

  • Ponete i ceci in ammollo per 12 ore, poi scolateli e risciacquateli con cura.
  • Mettete i legumi in una casseruola con il rosmarino ben lavato; coprite a filo di acqua, salate e cuocete a fuoco lento, calcolando 1 ora dal momento dell’ebollizione.
  • Nel frattempo pulite i funghi, eliminando il terriccio residuo con un telo inumidito e lavandoli rapidamente sotto l’acqua corrente; tagliateli a fettine sottili e riducete a dadini la pancetta.
  • Sbucciate e tritate finemente l’aglio e la cipolla, mondate e tritate il cuore di sedano e il prezzemolo; ponete questi ingredienti ad appassire in una capace casseruola insieme a cinque cucchiai di olio extravergine di oliva, quindi aggiungete la pancetta, i funghi e i ceci ormai cotti e ben scolati.
  • Mescolate per 5 minuti, regolate di sale e insaporite con pepe nero.
  • Versate nella casseruola il vino bianco, lasciate evaporare lentamente e unite il brodo ben caldo.
  • Lavate e spellate i pomodori, tagliateli a filetti eliminando i semi e aggiungeteli alla zuppa; unite anche i rametti di timo e maggiorana lavati e legati insieme.
  • Cuocete a fuoco lento per 15 minuti.
  • Dopo aver spento il fuoco, eliminate il mazzetto di timo e maggiorana, regolate di sale e irrorate con l’olio rimasto.
  • Profumate con pepe nero macinato al momento e qualche fogliolina di maggiorana. Servite caldissimo.

Vino consigliato: Montescudaio Rosso.

montescudaio-rosso-doc

Il vino rosso Montescudaio prodotto in prevalenza in Toscana è un vino ad indicazione DOC. Stiamo parlando di un vino la cui produzione abbonda per la maggior parte nei comuni di Montescudaio, Casale Marittimo, Guardiastallo, Castellina Marittima, Montecatini Val Di Cecina, Santa Luce, Riparbella, dove il vitigno ha trovato le condizioni ottimali al totale sviluppo delle sue caratteristiche. L'eccellente qualità del vino rosso Montescudaio tocca il punto più alto in in determinati comuni e specialmente nella zona doc di Montescudaio Stiamo parlando dicome la stragrande maggioranza dei vini rossi, di un vino molto più ricco rispetto ai vini bianchi, dai quali si differenzia non soltanto per le differenti qualità organolettiche ma anche per le differenti metodologie di produzione che, generalmente richiede per il mercato dei bianchi, una puntuale strategia di valutazione che consenta una precisa individuazione e valutazione delle sue caratteristiche specifiche. I vini rossi, infatti, a differenza di quelli bianchi, sono dissimili già nell'aspetto e nel profumo, diversità probabilmente dovute anche allo speciale affinamento in botte e a molte altre variabili, come ad esempio l'astringenza, che è considerata una fase fondamentale nel processo di determinazione del sapore. E' proprio questo insieme di aspetti a rendere la valutazione dei vini rossi di solito più difficile rispetto a quelli bianchi.

Caratteristiche.

Tuttavia dalle sue caratteristiche fondamentali è possibile, già ad un primo sguardo, capirne alcune, importanti caratteristiche. Dal colore è possibile determinare, ad esempio, la tipologia dell'uva impiegata per il suo impiego, la zona principale della sua coltivazione, il modo in cui è stata vinificata e il grado di maturazione del vino. Altro aspetto fondamentale dei vini rossi rispetto a quelli bianchi è che, mentre quest'ultimi con il passare degli anni hanno la tendenza a scurire, i rossi, al contrario, prendono man mano che invecchiamo una colorazione molto più chiara. Altro fattore da tenere a mente nella precisa valutazione dei vini rossi è che, non sempre, l'intensità del colore è sinonimo di qualità; questo in quanto l'intensità deve essere studiata in relazione alla varietà di uva usata e specialmente alla capacità colorante dell'uva stessa. Un fattore che accomuna i vini rossi in relazione al colore è che in gioventù tutti hanno la tendenza ad assumere delle sfumature blu o porpora che vanno schiarendosi con il processo di maturazione del vino stesso. Per quanto attiene un altro fondamentale aspetto dei vini, l'odore, in linea di massimasi può dire che in gioventù i vini rossi sono caratterizzati da profumi erbacei, floreali o fruttati, mentre in questa fase assumono un aroma molto più complesso se sono stati affinati in botte. I vini rossi più vecchi tendono invece ad assumere un odore di vaniglia, si spezie e di catrame, mentre per quanto riguarda il sapore, i vini più giovani sono caratterizzati da un sapore più deciso, mentre dopo l'invecchiamento e l'affinamento in botte sono tendenti ad acquistare morbidezza ed equilibrio.

Ricette consigliate.

L'eccellente cucina della Toscana e dei comuni di Montescudaio, Casale Marittimo, Guardiastallo, Castellina Marittima, Montecatini Val Di Cecina, Santa Luce, Riparbella ben si sposa con l'eccellenza del vino Montescudaio Cabernet Doc. La combinazione dei sapori di questa terra e di questo vino danno vita ad una cucina ricca, ed capace di soddisfare anche i più esigenti. Molteplici gli impieghi in cucina del vino Montescudaio Cabernet Doc in particolare nei seguenti abbinamenti fegatelli, coratella di agnello, bardiccio.Da tenere infine a mente che il vino Montescudaio Cabernet Doc, come la maggior parte dei rossi, va servito a temperatura ambiente, dai 12° ai 15° in bottiglia, dai 14° ai 15° nel bicchiere, e che va sempre servito in bicchieri ampi, tipo il ballon, per esaltarne gli aromi.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti