}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , , , » La cucina del Maghreb sana, varia e saporita merita di essere assaggiata nelle sue varie forme.

La cucina del Maghreb sana, varia e saporita merita di essere assaggiata nelle sue varie forme.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il sabato 5 ottobre 2013 | 17:45:00

Come è noto, la fascia mediterranea che attraversa i Paesi del Nord AfricaMarocco, Algeria, Tunisia, Libia e parte della Mauritania – è conosciuta con il nome di Maghreb.

Qui il couscous, tradizionale piatto di semola cotto a vapore e servito con un contorno di legumi, carne e verdure, rappresenta la specialità più conosciuta e apprezzata. Al di là delle mille varianti di questa pietanza, un pasto tradizionale inizia solitamente con un assortimento di insalate crude o cotte, dove i sapori dolci e agrumati, specie nella cucina marocchina, si coniugano con quelli salati.

Maghreb

In Tunisia, invece, gli amanti degli appetizer si diletteranno con tanti piccoli assaggini serviti all’aperitivo (kemia), spesso a base di una particolare pasta sfoglia (brik) farcita di pesce o carni speziate e fritta sul momento.

chorba frick

Ottime anche le zuppe (chorba, harira), che accompagnano spesso l’inverno e la rottura del digiuno all’imbrunire nel mese di Ramadan, ricche e saporite, a base di verdure, legumi e spezie, talvolta rese più nutrienti con l’aggiunta di riso o una pasta tipo vermicelli.

Le carni preferite, sempre rigorosamente macellate in osservanza alle prescrizioni coraniche (halal), sono quelle di agnello, montone, manzo e pollo, più raramente quella di cammello e mai quella di maiale. Le preparazioni insaporite con erbe e spezie quali cumino, coriandolo, pepe e paprica, o marinate e arrostite (kebab), sono di gran lunga le preferite, specie sotto forma di spiedino (brochette, shish kebab), polpettine (kofta) o animale intero (mechoui).

mechoui

In alternativa le carni si cucinano stufate in umido (tajine), talvolta con l’aggiunta di frutta secca come mandorle e prugne. Essendo vietato l’uso delle bevande alcoliche, si pasteggia semplicemente sorseggiando acqua, spremute o frullati di frutta, oppure, in alternativa, latticello fermentato (leben).

Tè e caffè vengono serviti di solito insieme a un ricco assortimento di pasticceria a base di frutta secca.

tajine1

    Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

SHARE

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti