}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.

Un viaggio alla scoperta dei sapori, dei profumi e delle dolcezze della cucina romana.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il mercoledì 2 ottobre 2013 | 13:49:00

Una tra le cucine tipiche regionali che si stanno dimenticando è la "cucina romana" chiamata spesso "cucina romanesca".

La causa probabilmente è da attribuirsi all’enorme affluenza di persone di altre regioni italiane e di altre nazioni che hanno portato gusti e ricette diverse unendoli ai sapori locali; è anche vero che il "romano de Roma" è ormai quasi scomparso, un’eccezione, ed era lui che aveva quel bagaglio di tradizioni e ricette locali tramandategli dalle madri o nonne.

polpette al pomodoro

La cucina romana è accusata di usare condimenti troppo pesanti, (che in ogni caso si ritrovano in tutte le cucine popolari) fatto sta che quando si pensa ad un piatto romano la mente va subito alla "pajata" o alla "coda alla "vaccinara", ricette che spaventano più per gli ingredienti principali, che per il sapore.

Difatti non sono poche le persone che assaggiando questi piatti per la prima volta e non conoscendone gli ingredienti li hanno trovati molto gustosi.

Le ricette della cucina popolare sono nate soprattutto dalla necessità di usare prodotti economici, e facilmente reperibili.

Anche la cucina romana si attiene alle stesse regole, usando per lo più alimenti una volta ritenuti di minor pregio, ora riscoperti e per questo rivalutati anche economicamente.

Nella cucina romana classica prevalgono condimenti come strutto e lardo, poiché l’olio d’oliva era ritenuto un condimento da ricchi e si consumava con parsimonia.

Dai nostri nonni, era usato solo per condire l’insalata.

Oggi educati ad un regime alimentare forse più attento ed avendone la possibilità si preferisce l’olio d’oliva, ne soffrirà il sapore della ricetta originale, ma il piatto sarà più digeribile.

Se si pensa ad una ricetta della cucina romana il piatto classico come detto è la coda alla "vaccinara", in questa ricetta ci sono alcune modifiche per renderla più leggera, comunque, non ci si discosta eccessivamente dalla ricetta originale.

    Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti