}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , , , , » Bis di spaghetti alla chitarra con capperi trifolati, triglie di scoglio e mollica fritta di pane raffermo.

Bis di spaghetti alla chitarra con capperi trifolati, triglie di scoglio e mollica fritta di pane raffermo.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il domenica 4 agosto 2013 | 21:47:00

Bis di spaghetti alla chitarra con capperi trifolati, triglie di scoglio e mollica fritta di pane raffermo

Ricetta per persone n.

5

Ingredienti:

    500 g di farina
    3 uova
    nero di seppia
    olio extravergine di oliva

Per il condimento:

    70 g di Capperi in Salamoia
    18 filetti di triglia
    1 spicchio di aglio
    1 dl di brodo di pesce
    pane casereccio
    olio extravergine di oliva
    sale
    pepe

Preparazione:

  • Disponete la farina a fontana e al centro sgusciate le uova, aggiungete l’acqua necessaria e 1 cucchiaio di olio; sbattete gli ingredienti che sono al centro della fontana e iniziate a incorporare la farina.
  • Dividete l’impasto ottenuto in due parti uguali, aggiungendo a una metà il nero di seppia.
  • Lavorate le due paste con il palmo delle mani per almeno 10 minuti: la lavorazione deve essere fatta con forza per ottenere un composto di media consistenza.
  • Quando la pasta inizierà a formare delle bollicine, raccoglietela a palla e fatela riposare per 15 minuti.
  • Trascorso questo tempo, suddividete l’impasto in parti più piccole e stendetele in sfoglie, con il matterello o con l’apposita macchina sfogliatrice.
  • Adagiate le sfoglie sull’apposito attrezzo e ricavate gli spaghetti alla chitarra; fateli seccare per 30 minuti in un luogo asciutto.
  • Tritate grossolanamente i capperi ben sciacquati; riscaldate dell’olio in una padella con l’aglio sbucciato, quindi fate saltare i capperi con i filetti di triglia, facendo attenzione a non romperli.
  • Bagnate il tutto con il brodo, togliete 15 filetti e teneteli da parte in caldo.
  • Affettate il pane e friggetelo in olio molto caldo, poi passatelo su carta assorbente, quindi nel mixer, riducendolo in mollica.
  • Cuocete la pasta in acqua bollente salata, scolatela al dente, saltatela nella padella con i capperi, regolate di sale e pepe servitela nei piatti individuali, cosparsi di mollica, adagiando sopra la pasta i filetti di triglia tenuti da parte. 

Vino consigliato:  preparazione di mare connotata da una buona sapidità, che richiede un vino rosato come il Salice Salentino Rosato, o un vino bianco come la Vernaccia di San Gimignano.

    salice salentino rosato

    I più interessanti e pregiati vini rosati pugliesi nascono nel Salento, vale a dire nella penisola che costituisce la parte più meridionale della regione e che separa il mare Adriatico dallo Ionio.

    Il territorio è contraddistinto dalla presenza di pianure e dai dolci rilievi dei tavolieri tarantino e leccese. Il clima, torrido nei mesi caldi e mite (salvo eccezioni) in quelli invernali, conosce sensibili escursioni termiche estive tra giorno e notte.

    Tali escursioni implicano una diminuzione della temperatura notturna, quindi rallentano i processi di maturazione delle uve, permettendo a queste di arricchirsi di aromi più complessi che trasmetteranno ai vini.

    La vite giunse nel Salento dal Medio Oriente e sin dai tempi della colonizzazione greca rappresentò la coltura agricola più importante.

    Il Salice Salentino Rosato nasce da uve Negroamaro completate da Malvasia Nera di Lecce o Malvasia Nera di Brindisi (massimo 20%), due tipologie molto diffuse e apprezzate nella regione che comunicano al vino carattere, equilibrio e corposità.

    La zona di produzione si colloca nella parte settentrionale del Leccese sino a comprendere una porzione della provincia di Brindisi ed è costituita, interamente o in parte, dai comuni di Salice Salentino, Guagnano, Campi Salentina, San Pancrazio Salentino, San Donaci e Cellino San Marco. Il Salice Salentino Rosato DOC è prodotto anche nella versione Spumante.

    Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

    CONDIVIDI

    A proposito di: Maia Susana Diaz

    Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

    0 commenti :

    Posta un commento

    Archivio Ricette

    vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

    I miei preferiti