}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , » Mutti e WWF insieme per ridurre impronta idrica e impronta di carbonio.

Mutti e WWF insieme per ridurre impronta idrica e impronta di carbonio.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il domenica 14 luglio 2013 | 09:49:00

Mutti_Panda_natura_275x402.indd
Ridurre l’impronta idrica e di carbonio dell’intera filiera produttiva, dalla coltivazione del pomodoro al prodotto finito, è la nuova mission di Mutti (azienda leader nella produzione del pomodoro) in collaborazione con il WWF, spiegata attraverso un’interessante infografica che potete consultare cliccando sull’immagine di fianco.

Ogni processo produttivo, necessita in tutte le sue fasi di risorse naturali, prima tra tutte l’acqua. La disponibilità di acqua dolce in natura è, come per tutte le risorse, limitata. Per prevenire e ridurre il rischio di esaurimento e inquinamento di questo bene primario, l’impatto che la produzione e il consumo quotidiano di prodotti ha su questa risorsa deve essere quindi misurato. Tale misurazione prende il nome di Impronta Idrica (Water footprint).

E l’impronta idrica del settore agricolo pesa non poco sui consumi di acqua dolce (ne utilizza infatti circa il 70-80% di quella disponibile sul Pianeta). Mutti è tra le prime aziende nel mondo che definisce un impegno concreto e rendicontabile di riduzione della propria impronta idrica in collaborazione in collaborazione con WWF: il 3% di riduzione, ovvero un risparmio annuale di acqua equivalente a:
  • 400 piscine olimpioniche (1 piscina olimpionica contiene 2.500 metri cubi di acqua);
  • oltre 6 Colossei pieni di acqua (superficie 3357m*altezza 48.5 m);
  • circa 7 milioni di vasche da bagno (ogni vasca contiene circa 140 litri);
  • quantità di acqua necessaria per cucinare 1.250.000.000 di piatti di pasta.
Per raggiungere questo obiettivo l’azienda interviene principalmente nella fase di coltivazione del pomodoro, che è quella che incide per oltre l’83% sull’impiego di acqua complessiva della propria filiera. Gli interventi di riduzione riguardano misure dirette relative al risparmio dell’acqua usata per l’irrigazione e misure indirette come la riduzione della fertilizzazione, introducendo tecnologie e procedure innovative. Per il successo del progetto di Mutti, che WWF considera un caso di eccellenza nel mondo, è indispensabile il coinvolgimento di tutta la filiera, che inizia dalla valorizzazione e sensibilizzazione delle parti agricole e si conclude con il gesto di chi sceglie il pomodoro sullo scaffale.
Non solo, l’azienda punta a ridurre anche l’impronta di carbonio (carbon footprint, ovvero le emissioni di gas climalteranti) della propria attività produttiva del 19% entro il 2015 (ovvero 2.694 tonnellate di CO2). La riduzione dell’impronta di CO2 di Mutti avverrà attraverso:
 
  • 45% – da misure tecnologiche (ovvero modifiche o ottimizzazioni sugli impianti esistenti);
  • 27% – dall’utilizzo di fonti rinnovabili: installazione sui tetti dello stabilimento di circa 10.000 mq di impianto fotovoltaico (con una produzione stimata di circa 1.050.000 kWh/anno) e di un impianto a biomassa (con una produzione stimata di circa 500.000 kWh/anno);
  • 28% – da misure organizzative (ovvero la definizione di procedure interne per la gestione dell’energia con relativa attribuzione di responsabilità).
Un passo importante per la salvaguardia dell’ambiente e di una risorsa essenziale, come è l’acqua dolce. Non resta che sperare possano essere molte le aziende che seguano l’esempio.


 


Ricerca personalizzata
Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
SHARE

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti