}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » » Il meglio della cucina trentina e alto atesina.

Il meglio della cucina trentina e alto atesina.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il giovedì 29 dicembre 2011 | 08:43:00



Anche se sorelle, la cucina trentina e quella dell’Alto Adige vanno considerate separatamente.

Trento ha una tradizione gastronomica fatta da una cucina di sopravvivenza, affiancata dai pranzi fastosi del tempo del Concilio. Bolzano, la porta delle Dolomiti, invece costituisce un punto d’incontro fra usanze culinarie austriache, germaniche e ungheresi.

Questo miscuglio ha finito per creare un’impronta latina tutta particolare, dove fino a pochi anni fa era difficile trovare piatti di pasta. Si riscontra in Alto Adige una ricerca del fasto decorativo dei piatti, abbinato alla puntigliosa scelta degli ingredienti e delle salse, come la “Bozner souce”
(salsa bolzanina). La doppia componente etnografica della regione non si smentisce neppure nella preparazione dei dolci.

Le materie prime sono in molti casi analoghe: latte e panna, castagne e mele, prugne e albicocche, noci e frutti di bosco.

Simile è pure la vocazione per la vigna che presenta Moscati di ceppo comune. Invece l’elemento che, per motivi climatici, distingue le ricette è la farina: in Trentino bianca o gialla, e in Alto Adige soprattutto scura di segale.

Decisivo anche il fattore storico, perché pur avendo condiviso a lungo il dominio asburgico, le due province ne hanno assorbito diversamente la cultura. Da Bolzano a Bressanone sono di casa i dolci viennesi: torta sacher, krapfen, e kaiserschmarren (crespelle dolci). A Trento e Rovereto, assieme allo strudel e allo zelten, si trovano la pinza de lat e la torta di fregolotti.

Trentino Per secoli il divario fra la cucina povera e quella dei potenti fu grandissimo. Polenta (mais, patate, grano saraceno) crauti (ottenuti dal cavolo cappuccio tagliato a listerelle sottili e
conservato sotto sale), lardo, minestrone, un po' di formaggio e burro, sono stati i cibi che hanno nutrito le popolazioni di questa terra.
Ben diversa la realtà delle corti dei ricchi prelati e dei potenti che, come ci testimonia il Platina (sec. XV), consumavano soprattutto carni provenienti dalle Alpi. Nel periodo del concilio di Trento (1545 al 1563) si toccò l’apice dello splendore di questa cucina.

Il "pasticcio di maccheroni", ancora oggi piatto delle grandi occasioni, è una delle ricche preparazioni importate da cuochi e ciambellani al seguito dei prelati.

Nei banchetti i trionfi più lussuosi erano certamente quelli legati alla cacciagione, sia di volatili (gallo cedrone), sia di animali del bosco come daini, camosci e caprioli, cucinati sui carboni, ma spesso consumati pasticciati con burro, formaggio e latte, come indica una vecchia ricetta per il “cosciotto di caccia”.

Fra i piatti ricchi ricordiamo anche la lepre alla trentina, un esempio di salmì agrodolce introvabile altrove. Ma alle corti non si disdegnavano neppure i cibi poveri, come testimonia Bartolomeo Scappi (sec. XVI) citando la “minestra d'orzo”, ancora oggi piatto tipico. Solo nell’800, in seguito dell'annessione di questa terra al Regno d'Italia, la cucina trentina si è arricchita della pasta, sostituita da sempre con i “canederli” e da una buona varietà
di gnocchi.

Fra le specialità ricordiamo lo “smacafam” (torta salata), e il “gröstl”, un piatto della cucina povera creato per recuperare gli avanzi di carne.


Alto Adige.


È la zona della regione che corrisponde alla provincia di Bolzano. Messisbugo (sec. XVI) ci fornisce minuziose indicazioni per le "torte alla tedesca", simili ai dolci di mele e allo strudel che rappresentano questa cucina. Francesco Leonardi (sec. XVIII) attinge alla gastronomia tedesca non solo nelle ricette dei cotechini, tanto diffusi in val d'Adige, ma anche nel modo di servirli, prevedendo che siano "tagliati nel mezzo con pretsemolo".

L'origine della cucina dell'Alto Adige è tedesca nelle preparazioni, nell'accostamento dei sapori (zucchero/sale), nell'uso delle spezie, nella scelta degli alimenti dove dominano patate, segale, orzo e cavolo cappuccio. Altre influenze giungono dalla cucina dell'impero austro-ungarico come testimonia il “gulasch”. Ma in quest’area sono popolarissimi i “knödel”, preparati in molti
modi, per lo più con pane di segale e fegato o speck.

Canederli alla tirolese.
 
In una casseruola fate appassire nel burro sciolto una cipolla e un ciuffo di prezzemolo tritati, rosolate dello speck e quando sarà colorito del pane raffermo. Ritirate la casseruola dal fuoco e lasciate raffreddare il soffritto.

Battete in una terrina delle uova intere leggermente salate, del latte, il soffritto, ed infine versateci poco alla volta della farina.

La ricetta completa in questa pagina.
Wurstel giganti alla tirolese

Con un coltello aprite una profonda fessura per lungo in dei wurstel, spalmatevi all’interno della senape, ed inseritevi una mezza fetta di sottiletta. Avvolgete i wurstel in della pancetta affumicata e disponeteli in una teglia.

Passateli in forno caldo avendo cura di girarli a metà cottura affinché si dorino da ambo le parti.


Schlutzkrapfen (ravioli di spinaci) altoatesini

Mondare degli spinaci, lavarli bene e lessarli nella loro acqua; farli saltare in padella con un po’ di burro, tirarli a cottura fino a che non avranno perso l’acqua, quindi salare.

Incorporare a della farina di segale un uovo, un pizzico di sale, e il quantitativo di latte necessario per ottenere una pasta della giusta consistenza per essere tirata a sfoglia.
Dividere la sfoglia in due.

Sulla prima parte mettere gli spinaci a mucchietti (distanza di un palmo), utilizzare l’altra sfoglia per ricoprire, per poi ritagliarvi dei ravioli quadrati,
avendo cura di sigillarne bene i bordi.

Cuocere i ravioli, condirli in un piatto di portata con
abbondante burro fuso e parmigiano grattugiato. Servire gli schlutzkrapfen ben caldi.

Altre ricette che ti potrebbero interessare:










Ricerca personalizzata
Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

SHARE

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti