}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.

Quiches di cipolla e formaggio.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il lunedì 10 dicembre 2012 | 09:51:00



quiches di cipolla e formaggio
Con il nome senape si indicano sia alcune specie di piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Brassicacee o Crocifere, sia le salse piccanti che ne derivano; esse vengono ricavate dai semi della pianta.
Il termine "mostarda" (moutarde) riferito alla senape appare per la prima volta in Francia nel XIII secolo, col significato di mosto che arde, appunto per il suo sapore piccante. Il termine mostarda in Italia è invece usato per indicare un prodotto simile ad una macedonia di frutta sciroppata in acqua zuccherata e con una percentuale di semi di senape (e/o aromi) nettamente inferiore: circa una parte su quattro. I due prodotti, oltre all'etimologia del nome, hanno in comune solo l'utilizzo della stessa pianta. Tuttavia è erroneamente diffuso nell'uso comune il termine mostarda per indicare anche le senapi, ossia tutte le preparazioni a base di senape.

senape
Ingredienti principali:

pollo
zenzero fresco
limoni




Ricetta per persone n.

 

Ingredienti:

Per la pasta:
200 g di farina tipo “00”
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 tuorlo d’uovo
sale: q. b.


Per il ripieno:
200 g di ricotta
1 cucchiaino di farina tipo “00”
1 mazzetto di prezzemolo
1 uova
1 cucchiaio di senape in polvere
paprica, sale e pepe: q.b.




Preparazione: 20’ + 25’ di cottura.
  • Disponete la farina a fontana, mettetevi al centro l'olio e il tuorlo; impa­state rapidamente con le dita, senza lavorare molto l'impasto.
  • Mettetelo quindi a riposare per un'ora, avvolto in un tovagliato umido, nella parte meno fredda del frigorifero.
  • Sbucciate la cipolla, lavatela e affettatela finemente; sbucciate l'aglio e tritatelo; lavate il prezzemolo e tritatelo.un tegame con l'olio fate appassire la cipolla e l'aglio, senza lasciarli colorire.
  • Mettete in una terrina la ricotta, la farina, il sale, il pepe e l'uovo e amalgamate con un cucchiaio di legno in modo da ottenere un impa­sto omogeneo.
  • Riprendere la pasta, stendetela con il mattarello in una sfoglia sottile, ritagliatevi 6 - 8 dischi del diametro di 12 - 14 cm e foderate gli stampini unti con un filo d'olio.
  • Spennellate i dischi di pasta con la senape e, in ogni stampino, distribuite la cipolla e il ripieno.
  • Pareggiate con una spatola e terminate con un pizzico di prezzemolo e di paprica.
  • Fate cuocere in forno preriscaldato a 180 C per 20 - 25 minuti; toglietele poi dal forno e lasciatele intiepidire.
  • Sformate e servite.
colli-pesaresi-rosato-doc-L-0GhdV1
Vini consigliati:
Grignolino d'Asti (Piemonte) a 17 °C I Sangiovese dei Colli Pesaresi (Marche) a 17°
Il Grignolino d'Asti è un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Asti.Il Grignolino è uno dei grandi vini caratteristici del Piemonte ed il suo valore viene ancor più elevato dalla limitata quantità prodotta. Il nome "Grignolino" deriva quasi sicuramente da "grignòle", termine con cui vengono indicati in lingua piemontese i vinaccioli, di cui abbondano gli acini, anche se un'altra tesi lo fa originare dal verbo "grignare" che, sempre in dialetto astigiano, significa ridere.
I vini rientranti nella DOC Colli Pesaresi sono prodotti in una vasta area delle province di Pesaro e Urbino che comprende, tutto o in parte, il territorio amministrativo di oltre trenta comuni inclusi i capoluoghi. Il disciplinare di produzione di questa DOC contempla la produzione di numerose tipologie di vini, in particolare le versioni Bianco, Rosso, Rosato, Biancame, Sangiovese, Trebbiano, oltre alle sottozone Focara, Focara Pinot Nero e Roncaglia. Il Colli Pesaresi Rosato DOC è ottenuto da uve del vitigno Sangiovese (minimo 70%) eventualmente completate da uve di altri vitigni a bacca nera non aromatici, autorizzati e raccomandati nella zona di produzione (massimo 30%). È un vino che deve il suo colore cerasuolo a una limitata permanenza delle bucce a contatto con il mosto. Trascorse solo poche ore dall’inizio della fermentazione le bucce, che contengono le sostanze coloranti del vino, vengono tolte dai tini e quindi si procede a una vinificazione in bianco.
Il vino che si ottiene è fragrante, fresco, di medio corpo, leggermente tannico. Non adatto all’invecchiamento, va consumato giovane, preferibilmente entro 1 anno dall’annata di vendemmia.
Nota dietetica:

Le quiches di cipolla e formaggio sono controindicate in casi di colesterolo elevato, obesità, cel­lulite, gastrite e ulcera gastroduodenale, morbo celiaco, enterite e colite in fase acuta. Si consi­glia di preparare la pasto e il ripieno senza l'aggiunta di uova; per la pasta regolatevi come se­gue: mescolate la farina, il sale e l'olio, in modo da formare come dei granelli di sabbia, continua­te e la pasta diventerà morbida e liscia. Se sarà il caso, aggiungete qualche cucchiaio di acqua.
 
Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti