}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , , » La Ribollita è sicuramente uno dei piatti tipici più conosciuti della tradizione gastronomica Toscana

La Ribollita è sicuramente uno dei piatti tipici più conosciuti della tradizione gastronomica Toscana

Pubblicato da Maia Susana Diaz il mercoledì 26 dicembre 2012 | 19:57:00

ribollita
La Ribollita è sicuramente uno dei piatti tipici più conosciuti della tradizione gastronomica Toscana che potrebbe ricordare un minestrone per la grande varietà di verdure utilizzate per la sua realizzazione.
Non c'è dubbio che la ribollita abbia un origine prettamente contadina infatti, sia il metodo di cottura utilizzato, sia la sua composizione suggeriscono che si tratta di un piatto molto umile.
Il termine Ribollita infatti, significa "bollita di nuovo" e si riferisce al fatto che per preparare questo piatto si utilizzavano le verdure cotte avanzate dai pasti dei giorni precedenti e le si facevano cuocere nuovamente insieme al pane raffermo, con l'aggiunta di un filo d'olio d'oliva a fine cottura.
Anticamente era tradizione preparare la ribollita il venerdì in grande abbondanza, con gli avanzi della settimana, in modo da poterne mangiare anche nei giorni seguenti facendola ribollire ogni volta.
Naturalmente, in tutta la Toscana, ogni provincia e ogni città o paese ha la sua versione della ribollita che quindi non ha una ricetta standard ma presenta comunque una regola fondamentale: per chiamarsi davvero ribollita deve contenere obbligatoriamente i fagioli e due tipi di cavolo, il cavolo verza ed il cavolo nero.

Ingredienti principali:

cavolo verza
cavolo nero
bietola 



Ricetta per persone n.

 

Ingredienti: per 4 persone  

250 g di fagioli sgranati
250 g di cavolo verza
250 g di foglie di bietola
250 g di foglie di cavolo nero
1 porro a rondelle
150 g di pane casereccio
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
4 pomodori pelati senza semi e tagliati a pezzetti
1 patata a tacchetti
1 cipolla a rondelle
1 zucchina a rondelle
1 carota a rondelle
1 costola di sedano a rondelle
sale e pepe


Preparazione: 20’ + 1h e 40’ di cottura
  • Lavate i fagioli, metteteli nella pentola, coprite con acqua fredda e por­tate a bollore a fuoco basso e fate cuocere per un'ora.
  • Fate imbiondire il porro e la cipolla nella casseruola con 2 cucchiai di olio a fuoco basso.
  • Lavate e mondate il cavolo verza, le bietole, il cavolo nero, sgocciolate le foglie e tagliatele.
  • Quando i fagioli sono cotti, scolateli (tenendo da parte l'acqua di cottura) ed uniteli nella casseruola al soffritto.
  • Mescolate con un cucchiaio di legno, aggiungete tutte le altre verdure, mescolate ancora e fate insaporire.
  • Coprite con un litro dell'acqua di cottura calda, salate e pepate.
  • Cuocete per 2 ore a fuoco basso.
  • Tagliate il pane a fettine, fatele tosta­re in forno e suddividetele nei singoli piatti fondi.
  • Distribuitevi sopra la minestra.
  • Condite con l'olio rimasto e servite subito in tavola accompa­gnando con abbondante parmigiano grattugiato.
  • VINI CONSIGLIATI.
    Chianti delle Colline Pisane (Toscana) a 18 °C Colli del Trasimeno rosso (Umbria) a 18 °C.
    Prodotto nella ristretta e altamente vocata zona delle Colline Pisane, questo vino ricorda tutti i profumi della Toscana e ne esalta tutti i piatti tipici. Connubio perfetto fra vino e tradizioni locali. Vino da tutto pasto, servire a temperatura di 15/18 °C.
    chianti pisano


    CURIOSITÀ:
    Catone il Vecchio afferma che per sei secoli li Romani curarono con il cavolo tutte le loro malattie, Se interessa l'uso del cavolo per le sue pro­prietà curative, si tenga presente che la varietà più adatta è quella rossa insieme alla verza.
     

    Ricerca personalizzata
    Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti