}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » » Le regole d'oro della buona cucina, quinta puntata: il taglio delle verdure.

Le regole d'oro della buona cucina, quinta puntata: il taglio delle verdure.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il giovedì 9 febbraio 2012 | 08:59:00


IL TAGLIO DELLE VERDURE.

Le verdure fresche vanno lavate accuratamente in acqua corrente e, se provenienti da coltivazioni biologiche, non vanno sbuccia­te, ma strofinate energicamente con l'apposita spazzola.

Dopo queste operazioni si può procedere al taglio dei vegetali che va eseguito servendosi di un tagliere e di un coltello adatto a questo uso.

Taglio a mezzaluna: particolarmente indicato per verdure tonde come la cipolla, si ottiene tagliando il vegetale in metà vertical­mente, ciascuna metà verrà poi tagliata in sottili mezzelune.

Questo taglio permette di conservare in ogni pezzetta una parte di radi­ce e una di sommità, rispettando così maggiormente l'energia del vegetale stesso.


Taglio a dadini: anche questo indicato per verdure tonde, si ottiene tagliando il vegetale in metà verticalmente. Ogni metà verrà poi appoggiata sulla parte piatta e tagliata più o meno finemente con tagli eseguiti prima in verticale e poi in orizzontale.


Taglio a rondelle: adatto per vegetali come carote, zucchini, porri, si ottiene tagliando delle fettine più o meno spesse.


Taglio a fette diagonali: per eseguire questo taglio il coltello deve formare un angolo acuto con il vegetale; si tagliano fettine di forma ellittica più o meno sottili.


Taglio a fiammifero: si parte dalle fette diagonali e sì tagliano striscìoline sottili iniziando il taglio dal lato più lungo.

Taglio a quarti: si ottiene tagliando il vegetale longitu­dinalmente in quattro parti uguali da tagliare poi a fette più o meno sottili,

Taglio a triangolo: il coltello deve formare un angolo acuto con il vegetale e dopo ogni taglio si deve ruota­re il vegetale stesso di 180 gradì.


Taglio a tronchetto: è semplicissimo, basta tagliare il vegetale in pezzi lunghi 3-5 centimetri circa; il tronchet­to, messo in posizione verticale, può essere poi tagliato in 4 o 5 fette che possono a loro volta essere tagliate a bastoncino.

Taglio a punta di matita: sì deve partire dalla punta del vegetale e tagliare come se sì dovesse fare la punta di una matita. Può essere eseguito anche facendo tagli irregolari.


Entrambi i due ultimi tagli sono particolarmente indica­ti per le radici di forma allungata.

Per le foglie verdi sì consiglia di tagliarle prima in metà lungo la costa, poi sovrapponendo alcune metà, tagliarle a strisce più o meno lunghe.

Ricette che ti potrebbero interessare:






budini_di_zucca


Ricerca personalizzata







Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:


SHARE

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti