}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , » Ciambella di risotto dal cuore fondente.

Ciambella di risotto dal cuore fondente.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il giovedì 28 marzo 2013 | 13:02:00

Cestini di formaggio con carote e zucchine_thumb[2]

Ingredienti principali:
riso
prosciutto cotto
fontina
mozzarella


Ricetta per persone n.
4
 
Note:
520 calorie a porzione

Ingredienti:
300 g di riso
200 g di prosciutto cotto
100 g di fontina
100 g di mozzarella
100 g di Emmental
250 g di piselli surgelati
50 g di burro
1 litro e mezzo di brodo vegetale
1/2 cipolla
latte
sale
pepe


Preparazione: 30’ + 45' di cottura
  • In un tegame lasciate fondere il burro, aggiungete la cipolla tritata e quando è diventata trasparente unite i piselli.
  • Mescolate, aggiungete un mestolo di acqua e portate a cottura senza coprire, alla fine unite il prosciutto tritato, sale, pepe mescolate e ritirate.
  • Tagliate i formaggi a dadini, raccoglieteli in una ciotola e ricopriteli con un bicchiere di latte.
  • Lessate il riso nel brodo, scolatelo al dente, unitevi i formaggi sgocciolati e mescolate bene.
  • Imburrate abbondantemente uno stampo a ciambella, riempitelo con il risotto, ponete in forno caldo a 180° per 8-10 minuti.
  • Sformate sul piatto da portata e riempite il centro con i piselli.
  • Servite.

Vino consigliato: Bianco di Pitigliano
Quando si parla di Pitigliano è quasi impossibile che il discorso prima o poi non vada a cadere sul vino. Il vino è infatti radicato da tempo nella cultura pitiglianese in quanto viene prodotto ormai da secoli. Senza dubbio la natura dei terreni, l’alta luminosità ed il clima mite della zona, costituiscono gli elementi di ordine fisico che da sempre hanno favorito lo sviluppo di una fiorente viticoltura, anche se il vino, nella storia di questo paese è anche un fatto storico, quotidiano e sociale.
Questo celebrato bianco nasce da una base di Trebbiano al quale sposa varità diffuse in Umbria e Lazio, come il Grechetto per esempio, ai quali si aggiungono varietà internazionali come Chardonnay e Sauvignon che tanto sembrano incontrare i gusti del consumatore moderno.
Per avere un’idea più chiara, possiamo dire che il disciplinare prevede: Trebbiano toscano (dal 50 all’80%), Greco, Malvasia Bianca toscana e Verdello, da soli o congiuntamente (non oltre il 20%); Grechetto, Chardonnay, Sauvignon, Pinot Bianco e Riesling italico, da soli (nei limiti del 15%) o congiuntamente (non oltre il 30%). E’ ammessa inoltre la presenza di vitigni a bacca bianca fra quelli raccomandati ed autorizzati fino ad un massimo del 10%.
bianco di pitigliano
 

Ricerca personalizzata
Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti