}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , » Le pupazze di miele, dolci propiziatori della Pasqua hanno la forma della dea dell’abbondanza.

Le pupazze di miele, dolci propiziatori della Pasqua hanno la forma della dea dell’abbondanza.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il venerdì 6 aprile 2012 | 08:56:00

La leggenda legata alla pupazza vuole che rappresenti una mammana, una balia che teneva a custodia i bambini delle donne impegnate nella vendemmia. Questa mammana era in grado di ammansire anche i bambini più agitati e capricciosi: a differenza delle sue colleghe, infatti, li imboniva allattandoli ad un seno finto con del buon vino di Frascati. Così, il dolce raffigura una donna con tre seni, due per il latte e uno per il vino.

La leggenda, nata negli anni sessanta, oltre a legarsi goliardicamente alla viticoltura, una delle maggiori realtà produttive frascatane, si è diffusa in pochi anni come patrimonio iconografico locale. Sul territorio italiano si producono altri dolci detti pupazze, ma la pupazza frascatana è l'unica pupazza a rappresentare la figura femminile con tre seni.
Le Pupazze di miele sono dei tipici biscotti di Frascati (Lazio), che rappresentano donne, uomini o animali. La Pupazza ha la forma della Dea dell’Abbondanza, con tre seni, due che danno latte e il terzo, quello centrale, vino a simbolizzare la ricchezza del territorio, ricco di vino di qualità eccellente, oltre che di latte. E' l'unica al mondo ad avere questa particolare tipicità.

Ingrediente Principale:
Miele di acacia - Olio extravergine di oliva - Aroma all'arancio - Farina
Ricetta per persone n.
4
Note:

Ingredienti
500 g miele di acacia
 0,250 l olio extravergine di oliva
 ¼ di cucchiaino aroma all'arancio (distillato)
farina 00
cacao, q.b.
Preparazione:  20' + 40' di cottura
  • In un tegame unire il miele e l’olio, aggiungere la farina o il cacao e mischiare fino a che non diventa una pasta abbastanza dura.
  • Con un mattarello, spianare l’impasto lasciandolo di uno spessore di circa ½ centimetro.
  • Ritagliare a forma di bambolina, con scarpette, gonnellina, braccia ecc.
  • Con una forchetta disegnare i capelli, l’abitino, e con i chicchi di caffè decorare la bocca e gli occhi.
  • Per ultimo, aggiungere i tre seni, fatti con la stessa pasta.
  • Adagiare su una placca da forno foderata di carta da forno e far cuocere in forno preriscaldato a calore moderato, per circa 8/10 minuti, fino a che non diventa dorata.
  • A fine cottura, fare riposare le “pupazze” sulla placca per qualche minuto, quindi trasferirle su una griglia e farle raffreddare completamente.


Altre ricette che ti potrebbero interessare:





Ricerca personalizzata
Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sulla maglietta per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti