}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , » Capesante all'arancia, menù stuzzicante per Natale.

Capesante all'arancia, menù stuzzicante per Natale.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il martedì 1 dicembre 2015 | 15:40:00

Non è necessario essere in tanti a festeggiare il Natale: due può essere già un bel numero, ma il menù dev'essere stuzzicante come le capesante all'arancia.
Un menù adatto ai giovani, un po' romantico, divertente, non difficile di preparare.
Ingredienti: per 2 persone
6 capesante complete di corallo
burro
un po' di brandy
1 arancia
una manciata di chicchi di melagrana
sale
pepe
capesante
Preparazione: 60’
  • Fatte fondere un po' di burro e mettetevi a cuocere le capesante tagliate grossolanamente.
  • Salate, pepate, spruzzate di brandy e alzate un po' il fuoco.
  • Quando il brandy sarà evaporato, spruzzate con succo d'arancia.
  • Lasciate insaporire e servite con fettine d'arancia, i chicchi di melagrana e foglioline di crescione condite, anch'esse con succo di arancia.


Capesante (Pecten jacobaeus)
capesante
Mitili bivalvi di grandi dimensioni, sono da molto tempo apprezzati dalla cucina italiana ed internazionale.
Pescati in abbondanza in Veneto, hanno una ampia diffusione territoriale.
In molte regioni italiane sono note con il nome di Pettini, come i canestrelli
In commercio si trova sia il prodotto nazionale che quello atlantico,
decisamente più economico, ma meno saporito. La consistenza delle capesante è carnosa ed insieme tenera per la parte bianca, mentre la parte rossa è più cremosa.
Generalmente in pescheria questi molluschi si acquistano aperti a metà, e già ripuliti parzialmente dalla sabbia.
capesanteSe sono freschi il "frutto" è di colore vivo (il bianco è candido, e l'arancione è brillante). Evitate il prodotti grigiastri o con il guscio rotto. E' possibile acquistarle anche surgelate:possono andar bene per sughi o risotti, ma perdono il caratteristico profumo.
Si puliscono staccandole dal guscio, lavandole bene ed asciugandole. Generalmente si utilizza il guscio per presentarle, quindi è opportuno lavare anche quello, magari passandolo con la "paglietta" di ferro.
Si cucinano in molti modi, dato il sapore deciso ed insieme raffinato, l'essenziale è non cuocerle troppo:altrimenti diventano dure e secche.
Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti