}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , , » Le ricette di Pasqua: tegame pasquale di Aragona.

Le ricette di Pasqua: tegame pasquale di Aragona.

Pubblicato da Maria Susana Diaz il venerdì 10 aprile 2020 | 18:32:00

Il tegame pasquale di Aragona è un elaborato primo piatto pasquale di tale città isolana compresa nella provincia di Agrigento.

Il tegame di Aragona, in siciliano ‘U taganu o tianu di Aragona, è un trionfante primo che viene preparato il Sabato Santo ad Aragona, paese della Sicilia cento orientale alle porte di Agrigento.

“Taganu” o “tianu”, in siciliano vuol dire tegame che, per la nostra ricetta, deve essere in terracotta.

Il tegame pasquale di Aragona è un elaborato primo piatto pasquale.

La ricetta.

Ecco la ricetta originale del Tegame pasquale di Aragona.

Ingredienti.

per 4 persone.

800 gr di rigatoni
16 uova battute
600 gr di tuma a fettine
150 gr di pecorino stagionato grattugiato
un pizzico di cannella pestata
brodo di pollo
una bustina di zafferano sciolto nel brodo
8 fette di pane raffermo
prezzemolo abbondante
sugna
sale
pepe

Preparazione.

  • I rigatoni vanno lessati in acqua salata, scolati al dente e sistemati in un tegame di terracotta umettato con la sugna ed il cui fondo è ricoperto da 4 fette di pane raffermo.
  • Su queste ultime vanno alternati strati di rigatoni e fettine di tuma e l'amalgama ottenuta unendo le uova battute, il prezzemolo trito, sale, pepe, il formaggio grattugiato, un pizzico di cannella e la bustina di zafferano sciolta in una tazza di brodo caldo.
  • L'ultimo strato della pietanza è costituito dalle restanti fette di pane.
  • Il tegame va riempito con il brodo caldo ed il tutto va cotto al forno.

Leggi anche: Una marea di ricette per il menú di Pasqua: Pupi di Pasqua un dolce pasquale tradizionale della Sicilia.

Cottura

  • Il piatto richiede una cottura molto lunga a causa dell'ingente quantitativo di liquidi e per le abbondanti uova. 
  • La pietanza può esser arricchita anche dalle polpettine cotte al ragù e da fettine di uova sode.
  • La pietanza va sfornata quando si presenta asciutta, ma non secca, e quando è ben compatta.

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter o sulla tua bacheca su Facebook. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

A proposito di: Maria Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

2 commenti :

  1. Paese che vai, usanze che trovi. Per le celebrazioni pasquali, parenti e amici si riuniscono attorno alla tavola. Un mix di sapori della tradizione. Aromi particolari e gusto ricercato, per una ricetta da record.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Giampaolo Rossi.- Infatti. Ad Aragona una delle ricette più antiche e rispettate il sabato santo è quella del “Taganu”. Lo sformato di pasta ha una storia leggendaria ed è tramandato da diverse generazioni.

      Elimina

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

Random Ricette

I miei preferiti